... ma l’INVALSI è solo una prova di apprendimento? Il progetto VALES chiarisce il dubbio

in Politiche educative

di Vittoria Gallina | del 04/06/2014 |1 COMMENTO |commenta

... ma l’INVALSI è solo una prova di apprendimento? Il progetto VALES chiarisce il dubbio
L’intervista a Donatella Poliandri, responsabile del progetto INVALSI-VALES, mette in luce il punto di forza del progetto e i risvolti positivi per migliorare l’offerta formativa. Ecco alcune riflessioni sul tema.



Education 2.0 ha intervistato Donatella Poliandri, la responsabile del progetto INVALSI-VALES (Valutazione e Sviluppo della Scuola), il progetto sperimenta una modalità d’integrazione tra la rilevazione degli apprendimenti, l’autovalutazione e un punto di vista esterno, per aiutare le scuole a interpretare il lavoro svolto e per migliorare l’offerta formativa.

Nella prima parte dell’intervista si ragiona sulla proposta di arricchimento della cultura della valutazione, che VALES propone alle scuole, attraverso la predisposizione e il supporto di strumenti e di pratiche per l’autovalutazione.

Nella seconda parte dell’intervista si affronta la questione delle figure che supportano il processo di autovalutazione e le possibili ricadute sui profili professionali di chi opera nella scuola a vari livelli, dal dirigente al corpo docente nel suo insieme.

Nell’anno scolastico 2012-2013 ha preso avvio il progetto VALES, promosso dal MIUR e affidato a INVALSI, che sperimenta percorsi di autovalutazione e di valutazione esterna delle scuole. Il progetto coinvolge 289 istituzioni scolastiche del territorio nazionale che, volontariamente, hanno deciso di partecipare (fra le 800 scuole che avevano inviato la domanda di partecipazione ne sono state individuate, dal MIUR, 200 nelle Regioni Obiettivo Convergenza e 100 nelle Regioni del Centro Nord).

VALES è stato progettato come “luogo” in cui si sperimenta un modello di “valutazione volto al miglioramento”, e recepisce le indicazioni comunitarie in merito alla necessità di accelerare la costruzione e il rafforzamento del sistema nazionale di valutazione del nostro Paese.
L’obiettivo è di stimolare le scuole a costruirsi percorsi valutativi attraverso procedure, protocolli e rapporti che potranno essere utilizzati dal Sistema Nazionale di Valutazione (Regolamento del DPR 80 del 2013), e quindi d’individuare e formare quelle figure che potranno compiere le visite di valutazione esterna, previste dal Regolamento stesso.
L’impianto complessivo del progetto pone al centro l’integrazione e il raccordo fra autovalutazione e valutazione esterna, in una prospettiva di confronto, secondo la logica del “benchmarking”, finalizzata a fornire elementi conoscitivi utili per innescare processi interni di cambiamento.

VALES sviluppa sperimentazioni INVALSI già attuate nel nostro Paese, come il progetto VM (Valutazione e Miglioramento) e il progetto VSQ (Valutazione per lo Sviluppo della Qualità delle Scuole), e propone un modello valutativo che:
- integra un’autovalutazione strutturata;
- favorisce l’apprendimento organizzativo per il governo interno dell’istituzione formativa, con la valutazione esterna;
- rappresenta il sostegno metodologico all’autovalutazione stessa perché fornisce il punto di vista con cui confrontarsi.

Elementi rilevanti di questo progetto sono l’elaborazione di un quadro di riferimento teorico, che rappresenta un modello interpretativo di un insieme di aspetti ritenuti rilevanti per delineare la qualità di “una buona scuola”, definendo quindi ciò che deve essere osservato e valutato, e l’individuazione delle competenze che i valutatori devono possedere; l’INVALSI pertanto ha selezionato e formato dei team di valutazione per compiere le visite presso le istituzioni scolastiche, e ha messo a disposizione delle scuole e dei valutatori dati provenienti da differenti fonti e strumenti elaborati, “fare” utilizzando metodi misti di rilevazione e di analisi quali-quantitativa.
A ciascuna scuola è già stato restituito un rapporto con i risultati della valutazione esterna e l’indicazione di ambiti di criticità sui quali concentrare gli interventi di miglioramento. Il passaggio è molto delicato: la comunità professionale si trova a doversi confrontare sia con i punti di forza emersi dall’analisi dei Team, sia con i punti di criticità individuati.
Le scuole dovranno misurarsi anche con la propria capacità di sapere accogliere e interpretare il cosiddetto “punto di vista esterno”, che non sempre corrisponde a ciò che gli attori pensano del proprio lavoro.
La riflessione per il miglioramento può scaturire quindi sia dalla concordanza fra interno ed esterno, degli eventuali elementi di difficoltà emersi, sia dalle differenze fra questi. E qui sta la sfida per le scuole.

L’autovalutazione, infatti, sollecita ciascuna scuola a interrogarsi sulla qualità del servizio offerto al fine di migliorarlo/cambiarlo, e il confronto con l’esterno “provoca” la comunità professionale in un processo costante di miglioramento e di perfezionamento; la libertà delle scuole di compiere scelte autonome dovrebbe, infatti, essere sempre connessa alla responsabilità d’intraprendere processi di qualificazione del servizio nel suo complesso. In questo modo, la valutazione può diventare uno strumento efficace per la gestione strategica dell’istituzione scolastica, superando così l’accezione tipica che si attribuisce al concetto di “valutazione”, nel nostro Paese, ossia quella del controllo amministrativo che spesso, nelle nostre scuole, si traduce nell’ennesimo adempimento burocratico cui si deve assolvere.

La sfida attuale per l’INVALSI, fra le tante, è comprendere come la valutazione interna/esterna guidi e indirizzi il miglioramento delle scuole, quali siano gli approcci più efficaci e in che modo il feedback fornito nei Rapporti di valutazione e, in particolare, quello sui punti valutati come maggiormente insoddisfacenti, possa contribuire a orientare la comunità professionale.


Correlati:
- Autovalutazione dei singoli istituti: la direzione per una qualità della scuola, di V. Gallina
- Il Progetto VALES (parte I), la video intrvista di Vittoria Gallina e Carlo Nati a Donatella Poliandri, responsabile dell’Area valutazione delle scuole (Invalsi) e del Progetto VALES


***
Immagine in testata di pixabay (licenza free to share)

Nickname Titolo commento Scrivi commento

Scrivete i vostri commenti dentro il riquadro senza copiare il testo da Word o da altri programmi

Con la sottoscrizione delle condizioni generali di contratto l'Utente si è assunto ogni più ampia responsabilità civile, penale e amministrativa relativa all'invio e alla pubblicazione del materiale trasmesso garantendo ogni più ampia manleva. L'utente riconosce a RCS Libri e/o a società ad essa collegate e/o ai suoi aventi causa il diritto di conservare, riprodurre, diffondere e cancellare il materiale trasmesso. L'utente dichiara e garantisce il pacifico godimento di tutti i diritti relativi al materiale inviato. Pertanto, con l'invio del materiale, l'Utente cede e trasferisce a titolo gratuito e definitivo, senza limiti di spazio e di tempo, tutti i diritti di sfruttamento economico e commerciale relativi al materiale inviato.
Il tuo commento verrà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte della Redazione. Non verranno pubblicati commenti che violano le leggi sulla stampa, diffamatori, offensivi o che chiamano in causa terze persone per fatti non accertati. Non saranno pubblicati messaggi fuori tema o pretestuosi, o scritti con linguaggio non adeguato o irrispettoso per i lettori.

Condizioni generali del servizio

chi non coglie il senso della traccia di un tema chiede suggerimenti di enrico maranzana, pubblicato il 04/06/2014

"Elementi rilevanti di questo progetto sono l’elaborazione di un quadro di riferimento teorico, che rappresenta un modello interpretativo di un insieme di aspetti ritenuti rilevanti per delineare la qualità di “una buona scuola”, definendo quindi ciò che deve essere osservato e valutato". Fodalizzando "Elaborazione di un quadro di riferimento teorico" se ne coglie il significato .. la voce del legislatore non è vincolante.  "Vales recepisce le indicazioni comunitarie" perché gerarchicamente sovraridnate alla legge dello Stato? 

La scuola non è una scatola nera!  Il controllo, inteso come comparazione obiettivi-risultati, costituisce il necessario fondamento all’espressione di un giudizio. Un principio che lo scritto disattende in quanto non esplora il campo in cui nasce il problema educativo.  

Il ministro Giannini, che entro fine luglio presenterà “una proposta precisa che riguarda i seguenti punti: autonomia e governance degli istituti, valutazione degli insegnanti e premialità, valutazione dei dirigenti scolastici”,  potrebbe aver scelto la via della razionalità.

Quattro i nodi che deve sciogliere, in sequenza.

Quattro raffinamenti dello stesso problema.

Quattro urgenze da affrontare e risolvere, per approssimazioni successive.

Al vertice è da porre la governance che risponde all’esigenza di condurre il sistema scolastico verso il fine istituzionale.

Definiti i traguardi e le forme organizzative si apre la questione dell’autonomia: quali decisioni sono da  assumere per orientare il servizio?

Esplicitata la dinamica gestionale, SOLO ALLORA, possono essere concepiti i mandati da conferire a dirigenti e a docenti, strumenti essenziali per valutarne le prestazioni.

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. Copyright 2016 © Rizzoli Libri S.p.A. Sede Legale via Bianca di Savoia, 12 - 20122 Milano - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. | | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Gruppo Mondadori | Cookie policy e privacy

a9ecf9c2-ebdb-11e3-8d99-759fde6b7528