Tecnologie e ambienti di apprendimento

Il rapporto tra le tecnologie, le forme di apprendimento e le modalità di organizzazione delle conoscenza, la riconfigurazione e il potenziamento degli ambienti di apprendimento, gli strumenti per stimolare la progettualità degli studenti.

pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Twitter per passione

Twitter per passione

Tecnologie e ambienti di apprendimento

di Sebastiana Fisicaro e Claudia De Petro | del 05/06/2012 |

Un documento della commissione europea nel 2010 ha sottolineato l’importanza di un sistema formativo che sviluppi la progettazione di lavori atti a stimolare negli studenti qualità e merito, un modo per tendere, insomma, a una qualità dell’insegnamento, in modo da creare cittadini consapevoli e pronti ad adattarsi ai mutamenti della società. La scuola, secondo il quadro europeo, deve accompagnare continua..

Nativi digitali. Marc Prensky: “It’s time to adapt”

Nativi digitali. Marc Prensky: “It’s time to adapt”

Tecnologie e ambienti di apprendimento

di Redazione | del 30/05/2012 | 2

In chiusura di giornata, alla fine di una lunga conferenza sul futuro della scuola (e del paese, che è diretta conseguenza dell’educazione delle nuove generazioni), sale sul palco l’inventore della definizione “nativi digitali”. Marc Prensky tiene una efficacissima lectio magistralis raccontando la sua visione del cambiamento necessario nella scuola. Anzi, evitando il termine “cambiamento”, parla continua..

A proposito di scuola digitale

A proposito di scuola digitale

Tecnologie e ambienti di apprendimento

di Franco De Anna | del 14/05/2012 | 4

In qualunque impresa tecnologia e organizzazione si tengono in una dialettica stretta. Non in termini deterministici: la tecnologia “disponibile” per i processi produttivi lascia sempre almeno un grado di libertà (almeno uno) dal quale dipende la sensata ri-organizzazione dei processi. Un grado di libertà alla “scelta politica” che deve esplorare potenzialità e convenienze dell’innovazione e i suo continua..

Il libro si affaccia sulla Rete

Il libro si affaccia sulla Rete

Tecnologie e ambienti di apprendimento

di Carlo Nati e Linda Giannini | del 11/05/2012 | 8

Il 10 marzo all’interno del seminario “LIM e dintorni, una lavagna per motivare, una lavagna per imparare. Insegnare con i media nella scuola dei nativi digitali” è stato presentato a Roma presso l’ITIS Galilei l’ultimo libro di Fabrizio Emer, “Il docente multimediale”. Rino Caputo, Licia Cianfriglia, Giuseppe Fiori, Antonio Gravina, Giuseppe Marucci, Florinda Nardi, Gino Roncaglia, e Sonia Schira continua..

Radio education: l’esperienza delle radio universitarie italiane

Radio education: l’esperienza delle radio universitarie italiane

Tecnologie e ambienti di apprendimento

di Tiziana Cavallo | del 16/04/2012 | 2

Nel 1999 Mario Morcellini, docente della Sapienza di Roma ed esperto di comunicazione e mass media, pubblicava un libro dal titolo “La tv fa bene ai bambini”. Il suo lavoro, concepito nell’ambito della Media Education, mirava ad analizzare meccanismi e linguaggi della “scatola magica” in virtù di un suo valore educativo. Oggi potremmo prendere a prestito quel titolo per parlare, invece, di come la continua..

pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. Copyright 2016 © Rizzoli Libri S.p.A. Sede Legale via Bianca di Savoia, 12 - 20122 Milano - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. | | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Gruppo Mondadori | Cookie policy e privacy