Gareggio dunque sono

in Professione docente

di Claudio Salone | del 18/03/2016 |3 COMMENTI |commenta

Gareggio dunque sono
In risposta alle considerazioni di Mario Fierli sul Global Teacher Prize e sull'eccellenza.

Interessante e opportuno l'articolo di Mario Fierli sul "Global Teacher Prize". Interessante e opportuno perché ci consente di riflettere su un fenomeno culturale che va ben oltre il premio in sé e investe l'intero sistema di valori che sembra dominare le nostre scelte, politiche e culturali. Mi scuso fin d'ora per l'estrema sintesi di cui oso fare oggetto temi tanto complessi e difficili.

È a parer mio un tratto tipico della cultura dominante quello del costante processo di reificazione delle relazioni umane, del sistematico attacco ai legami interni alle comunità e della sostituzione dell'individuo alla persona.

La logica è semplice e neppure tanto nascosta: lacerando quei legami, offuscando il fatto che siamo essenzialmente relazione, si ottiene l'atomizzazione, che è il presupposto della mercificazione. In buona sostanza, perché omnia venalia sint, è necessario che tutto sia decontestualizzato, liberamente collocabile e vendibile sugli scaffali del gigantesco supermarket che siamo diventati.

È così che si negano prospettive e gerarchie e tutto entra nel gran calderone in cui le famose vacche sono grigie.

Il modello "gara" dunque dilaga: dalle università alle scuole, alle cucine, ai quiz e alle balere televisive, è tutto un valutare, classificare, punteggiare, confrontare, far tabelle, dar medaglie e coppe. Il paradigma sportivo (non la pseudo ideologia decoubertiniana), tipico e utile dislocamento di pulsioni e tensioni altrimenti incomprimibili, la fa da padrone ovunque. Basti pensare all'uso davvero impressionante, a tutti i livelli, delle metafore legate al gioco del pallone e usate per definire questioni anche molto complesse.

Tornando alla logica sottesa a questi premi così eclatanti (e puntualmente ripresa dalla ministra Giannini), essa mi pare affatto consona alla semplificazione dei processi e alla loro immediata comunicabilità, senza residui. Il popolo di votanti - consumatori ha infatti necessità di oggetti semplici, slegati dal loro intorno, nei quali si possa riconoscere immediatamente il buono e il cattivo, nei quali ogni sfumatura è fonte di fastidio e di ansia.

Le gare, i premi sono coerenti con obiettivi e procedure semplici: è giusto premiare chi lancia il giavellotto più lontano, chi vince un torneo di scacchi, chi primeggia nella traduzione dal greco. Una professione complessa e "tutta relazione" come quella dell'insegnante è di per sé irriducibile a un contesto agonistico (vedi gli stessi criteri di assegnazione del Prize, affatto interpretabili) e poco adatta alla semplificazione. Ne è testimonianza la difficoltà (oserei quasi dire l'impossibilità) di giungere a parametri di valutazione condivisi e allo stesso tempo persuasivi ed efficaci.

L'abnorme premio di un milione di dollari dato all'insegnante palestinese è sicuramente più che meritato. Basterebbe non chiamarlo "premio al miglior insegnante", ma "contributo a chi lotta in situazioni drammatiche perché non vadano perduti valori e legami fondamentali".

Da quanto detto fin qui, si capirà che sono contrario ad ogni scimmiottamento mediatico in salsa italiana del Prize. Resto dell'idea che buona politica significa buona, sana e silenziosa amministrazione quotidiana del bene pubblico, non prendere iniziative eclatanti (e costose) per andare a finire sui giornali e nei TG e lasciare irrisolti i nodi veri della qualità dell'istruzione/educazione anche perché, come dice Raimondo Bolletta "la competizione [è] un tarlo letale mentre la responsabilità [è] un seme fecondo."

Correlati:

M. Fierli, Il Global Teacher Prize. Riflessioni sull'eccellenza

Per approfondire:

R. Bolletta, Il tarlo della competizione e il seme della responsabilità

Nickname Titolo commento Scrivi commento

Scrivete i vostri commenti dentro il riquadro senza copiare il testo da Word o da altri programmi

Con la sottoscrizione delle condizioni generali di contratto l'Utente si è assunto ogni più ampia responsabilità civile, penale e amministrativa relativa all'invio e alla pubblicazione del materiale trasmesso garantendo ogni più ampia manleva. L'utente riconosce a RCS Libri e/o a società ad essa collegate e/o ai suoi aventi causa il diritto di conservare, riprodurre, diffondere e cancellare il materiale trasmesso. L'utente dichiara e garantisce il pacifico godimento di tutti i diritti relativi al materiale inviato. Pertanto, con l'invio del materiale, l'Utente cede e trasferisce a titolo gratuito e definitivo, senza limiti di spazio e di tempo, tutti i diritti di sfruttamento economico e commerciale relativi al materiale inviato.
Il tuo commento verrà pubblicato solo dopo l'approvazione da parte della Redazione. Non verranno pubblicati commenti che violano le leggi sulla stampa, diffamatori, offensivi o che chiamano in causa terze persone per fatti non accertati. Non saranno pubblicati messaggi fuori tema o pretestuosi, o scritti con linguaggio non adeguato o irrispettoso per i lettori.

Condizioni generali del servizio

Modelli di vita di BEGA, pubblicato il 04/05/2016

Penso che la "competizione" generi nei nostri allievi, non solo ,  disaffezione allo studio e  assenza di

motivazione ad apprendere , ma, che stia , nel tempo , cambiando i nostri modelli di vita .

Chiedo : "Ci stiamo ,forse , avviando verso una società dove lo studio scolastico non sarà

più ambito da alcuno ? ". E ancora:"Se è vero che la competizione è il presupposto della mercificazione ,

la Scuola e la Società tutta sta concorrendo,in qualche modo, a creare modelli di vita (sicuramente

sbagliati) , che non appartengono alla nostra storia e cultura ?"

E infine:"Come far sì che tutto ciò che fino a oggi si è costruito ,non vada perduto o dimenticato?"

 

Il tarlo del merito di Giuseppe, pubblicato il 26/04/2016

Il tarlo del merito di Giuseppe, pubblicato il 26/04/2016

12

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. Copyright 2016 © Rizzoli Libri S.p.A. Sede Legale via Bianca di Savoia, 12 - 20122 Milano - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. | | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Gruppo Mondadori | Cookie policy e privacy

f578f410-ed35-11e5-97c9-f1cf88e7229e