Dopo il diploma

Il lavoro, l’università e l’istruzione superiore: life long learning, si apprende per tutta la vita. Una riflessione sulle esperienze di educazione, istruzione e formazione per il cittadino adulto.

pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

La legge di riforma dell’università: conseguenze e prospettive

La legge di riforma dell’università: conseguenze e prospettive

Politiche educative

di Roberto Moscati | del 28/01/2011 | 5

CHE COSA PRODURRÀ LA LEGGE? Si può facilmente prevedere che – unitamente ai DM contemporaneamente emessi – essa ridurrà l’offerta formativa; aumenterà la presenza del personale precario; penalizzerà il merito e faciliterà le clientele come conseguenza della penuria di risorse e della facile aggirabilità delle misure di reclutamento. Limiterà drasticamente l’autonomia degli atenei e ne ridurrà le continua..

La competitività nelle comunità di pratica

La competitività nelle comunità di pratica

Dopo il diploma

di Eugenio Bastianon | del 12/07/2010 | 5

IL TEMA Le comunità di pratica professionale sono oggi uno dei luoghi più interessanti e significativi per l’apprendimento adulto e, in particolare, per l’apprendimento on the job, in tutte le forme e i modi in cui le comunità di pratica stesse possono costituirsi ed essere organizzate. Il concetto di comunità di pratica fu formalizzato dall’Institute for Research on Learning, del Palo Alto Resea continua..

L’accordo di un’integrazione... lontana

L’accordo di un’integrazione... lontana

Dopo il diploma

di Fiorella Farinelli | del 22/06/2010 | 5

Se nel 2011 il numero degli immigrati stranieri che richiederanno per la prima volta il permesso di soggiorno non subirà flessioni – anche qui la crisi morde, e non poco – saranno in 240.000 a dover sottoscrivere all’atto della richiesta il cosiddetto “accordo di integrazione”. Che condiziona la conferma del permesso – e viceversa spalanca la porta all’espulsione – al conseguimento nei due anni su continua..

Media universitari e scolastici: lab-factory in ottica di media education

Media universitari e scolastici: lab-factory in ottica di media education

Dopo il diploma

di Tiziana Cavallo | del 29/04/2010 |

DAI CONTRIBUTI INVIATI PER IL CONVEGNO DEL 23 APRILE. Nel 1999 Mario Morcellini, docente della Sapienza di Roma nonché massimo esperto di comunicazione e mass media, pubblicava un libro dal titolo “La tv fa bene ai bambini”. Il suo lavoro, concepito nell’ambito della disciplina poco applicata nella scuola italiana ovvero la Media Education (educare ai media con i media), mirava ad analizzare mecc continua..

E gli apprendimenti informali e non formali?

E gli apprendimenti informali e non formali?

Dopo il diploma

di Patrick Werquin | del 08/04/2010 |

Nessuno può negare che l’apprendimento ci accompagna per tutta la vita, anzi che si identifica con il vivere stesso, tuttavia è complicato rispondere a questa domanda: per quale ragione è così difficile riconoscere e certificare ciò che non è stato appreso nelle istituzioni scolastiche? Una risposta si trova nelle definizioni stesse dei tre tipi di apprendimento: apprendimento formale, apprendimen continua..

pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. Copyright 2016 © Rizzoli Libri S.p.A. Sede Legale via Bianca di Savoia, 12 - 20122 Milano - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. | | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Gruppo Mondadori | Cookie policy e privacy