Città educativa

Inclusione, intercultura, educazione informale e non-formale. Attraverso lo sguardo sulle città, i luoghi dove più si apprende, che educano a esplorare, capire, dibattere, provare, incontrare, domandare.

pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

Bullismo e cooperative learning

Bullismo e cooperative learning

Community

di Laura Alberico | del 01/03/2011 | 3

Il fenomeno ormai dilagante del bullismo sembra avere origine nei rapporti familiari. Il bullismo, a differenza dei normali conflitti tra coetanei, si caratterizza per l’intenzionalità di fare del male, per la mancanza di compassione verso la vittima e per la durata, nel tempo dell’azione di sopruso. Le recenti ricerche indicano una maggiore diffusione del fenomeno nella scuola elementare e nei pr continua..

Incontrare l’alterità. Un nuovo paradigma educativo

Incontrare l’alterità. Un nuovo paradigma educativo

Community

di Laura Tussi | del 28/02/2011 | 3

La differenza è l’inalienabile diritto di ogni persona ad attuarsi e a espandersi con la sua identità, nelle reciprocità relazionali, affermandosi come umanità e unità identitaria, differente non solo dagli altri, ma anche da se stessa, al fine di non deteriorarsi nel conformismo e nella ripetizione solipsistica. Dalla percezione negativa dell’altro scaturisce paura e insofferenza, intolleranza e continua..

Insegnante di sostegno: diritto o dovere? (2)

Insegnante di sostegno: diritto o dovere? (2)

Città educativa

di Claudio Imprudente | del 25/02/2011 | 13

Di seguito, la seconda parte dell’articolo della signora Trombetta, che ci aggiorna sulle evoluzioni del suo “tentativo” (rinunciare all’insegnante di sostegno per la figlia che da settembre frequenterà la scuola dell’infanzia) e chiarisce alcuni punti che avevano, peraltro, suscitato (e stanno tuttora suscitando) un confronto molto aperto e interessante. Buona lettura.***Sono di nuova la mamma di continua..

Integrazione e nuove tecnologie

Integrazione e nuove tecnologie

Community

di Maria Ausilia Castagna | del 08/02/2011 | 47

Parlare di integrazione oggi sembra scontato, invece nulla è più difficile da attuare. “Arricchiamoci delle nostre reciproche differenze” diceva qualche tempo fa lo scrittore Paul Valery. In effetti la scuola è la prima istituzione sociale che riveste un ruolo fondamentale per l’integrazione del diversamente abile in quanto, essendo un ambiente di educazione e di apprendimento, prepara l’alunno al continua..

Effetto integrazione

Effetto integrazione

Politiche educative

di Roberto Parmeggiani | del 07/02/2011 | 7

Sono usciti il 19 gennaio scorso i dati Istat sull’“Integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali”. Secondo l’indagine, relativa agli anni 2008/2009 e 2009/2010, gli alunni disabili presenti nella scuola del primo ciclo sono poco più di 130mila, di cui 73mila nella primaria e circa 59mila nella secondaria di I grado. Nella scuola prim continua..

pagine 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

Gli Speciali

In un unico file il meglio di education 2.0 da scaricare.

pdf

Scarica le raccolte dei nostri articoli piu belli, i commenti piu interessanti, i contributi della community, i saggi.

Testata registrata presso il Tribunale di Milano, registrazione n. 262 del 3 giugno 2009. Copyright 2016 © Rizzoli Libri S.p.A. Sede Legale via Bianca di Savoia, 12 - 20122 Milano - Capitale Sociale € 42.405.000 - Registro Imprese e Codice Fiscale / Partita IVA n. 05877160159 - R.E.A. 1045223 - Soggetta ad attività di direzione e coordinamento di Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. | | Per la pubblicità su Education 2.0 scrivi a redazione@educationduepuntozero.it - Gruppo Mondadori | Cookie policy e privacy